Qualità dell’aria a MILANO. Aggiornamento

dott. Luciano Sabolla

La mappa sopra esposta, tratta dal sito web dell’ARPA Lombardia, è relativa al 22/12/2017 (http://www.arpalombardia.it/sites/QAria/_layouts/15/QAria/IModelli.aspx) e traduce con diversi colori il nuovo indice sintetico della qualità dell’aria, recentemente introdotto dall’agenzia europea per l’ambiente, basato sulle misurazioni provenienti dalla rete di stazioni di monitoraggio fisse. L’indice esprime in un unico parametro la concentrazione di cinque sostanze volatili killer, che nuocciono direttamente alla salute: il particolato (PM2.5 e PM10), l’ozono troposferico (O3), il biossido di azoto (NO2) e il biossido di zolfo (SO2).

continua a leggere..

Annunci

PRIMATO ITALIANO PER VITTIME DA N02 IN EUROPA

dott. Luciano Sabolla

L’ultimo rapporto europeo sulla qualità dell’aria, pubblicato dalla European Environment Agency (EEA clicca qui), indica l’Italia, tra tutti i 28 membri della UE, come il Paese col maggiore impatto in termini di salute, nell’anno 2013, in conseguenza ad inalazione di biossido d’azoto (NO2) atmosferico.

L’N02 è il principale esponente della famiglia chimica degli ossidi d’azoto (NOX).

continua a leggere..

PRIME NOTIZIE SCONFORTANTI SULLA QUALITÀ DELL’ARIA LOMBARDA NEL 2015

Dott. Luciano Sabolla

Vi pare normale che il rapporto dell’Agenzia Regionale Protezione Ambiente (ARPA) relativo alla qualità dell’aria nell’anno 2015 non sia stato ancora pubblicato sul web e messo a disposizione dei cittadini? Dagli uffici di Via Rosellini è stato mandato al Ministero a Roma, da Roma è stato inviato alla UE ed attualmente sta divenendo motivo di scontro politico in seno alla Commissione Ambiente della Regione Lombardia. La burocrazia nazionale, europea e locale prevale sull’obbligo della pubblica amministrazione di rendere immediatamente e completamente fruibili i dati anche se l’ARPA viene pagata (profumatamente) dai noi.

continua a leggere..

AUTOMOTIVE -NUOVE PROSPETTIVE

di dott. Luciano Sabolla

Il percorso che abbiamo intrapreso con gli ultimi articoli pubblicati in questo sito, riguardanti le sostanze nocive per la salute dell’uomo emesse dai motori termici (diesel o benzina), sfocia nell’esigenza di un trasporto su strada ad emissione zero, uno dei pilastri della prevenzione primaria dell’inquinamento atmosferico, importante garanzia della nostra salute respiratoria. Poiché le politiche di innovazione automobilistica tese a questo obiettivo non sono molto pubblicizzate nel nostro paese, può essere interessante una breve panoramica sulla parte più innovativa dell’industria automobilistica mondiale.

continua a leggere..

LUGLIO IL MESE DELL’ OZONO

         E’ il momento opportuno per informarci sull’ozono, gas instabile (formato da tre atomi di ossigeno = O3) tipico inquinante estivo dell’atmosfera che respiriamo (vedi grafico). L’O3 viene infatti prodotto per cessione di energia dai raggi solari alle molecole degli ossidi d’azoto (Nx) o inquinanti primari già presenti nell’aria per effetto del traffico da autoveicoli a motore termico, diesel o benzina (sono coinvolti soprattutto il monossido e il biossido d’azoto: NO e NO2).

continua a leggere..

PICCO DEI DECESSI NELL’ANNO 2015 IN ITALIA

dott. Luciano Sabolla

Ha fatto scalpore, recentemente, il dato Istat di 54 mila decessi nel corso dell’anno 2015 in più rispetto all’anno precedente, con un incremento del 9,1%. Per trovare un’impennata del tasso di mortalità dell’ordine di grandezza comparabile a questo (10,7 per mille in Italia nell’anno 2015) bisogna risalire al secondo dopoguerra. L’ aumento di mortalità si è concentrato tra gli anziani ultra 75enni per quanto riguarda l’età, nei mesi invernali e nel bimestre luglio-agosto per quel che concerne il periodo nell’anno. Questo fenomeno demografico dipende dalla combinazione di varie concause.
continua a leggere..

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: