MILANO – DALLA CONFRATERNITA SANTA CORONA ALL’ODIERNO BANCO FARMACEUTICO

Dott. Luciano Sabolla

Ludovico il Moro nel 1494 donò una spina proveniente dalla corona che aveva cinto il capo di Gesù, ai Domenicani di S. Maria delle Grazie, chiesa che allora stava fuori dalle Mura del ducato di Milano e il frate Stefano da Seregno si incaricò di svilupparne il culto.

Allo scopo creò una confraternita con alcuni nobili milanesi, tra cui Francesco Mantegazza, Roberto Quarterio e Cristoforo Remenulfo. Affittarono per la loro sede un oratorio ubicato lungo il lato nord dell’attuale Piazza S. Sepolcro, che divenne così un “luogo pio” della Milano di allora.

L’associazione si impegnò, ispirandosi all’indicibile strazio sofferto dall’Uomo incoronato di spine, schernito da tutta la coorte convocata nel cortile del pretorio, inizialmente nella distribuzione di vino e pane a settantadue poveri della città.

continua a leggere..

Annunci

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: